VITOVSKA Venezia Giulia IGT 2014

27,50
Quantità ACQUISTA
Spedizione gratuita oltre i 120 €
Pagamenti sicuri

certificato
bio

certificato
biodinamico

altri
naturali

produzione
garagista

La Vitoska è l'uva che il tempo ha selezionato naturalmente in questo territorio. Ha grappolo piccolo e fitto con acini fini, molto resistenti alla Bora che qui soffia con veemenza. E' l'uva che più rappresenta il Carso. Matej recentemente ha rinnovato gli impianti di Vitovska aumentando la fittezza e cambiando il sistema di allevamento in alberello. La resa per etttaro è così scesa a meno di 40 q.li/ha, dando un ulteriore impulso alla qualità ottenuta con un lavoro maniacale sul terreno e tra le vigne.

A Sgonico, in loc. Sales, a 15 km da Trieste e a pochissimi km dalla Slovenia, Matej Skerlj conduce 2 ettari di vigneti divisi in poche parcelle circondate dai boschi del Carso. Una lunga tradizione partita dal nonno agricoltore che, oltre alla vigna, curava le mucche e coltivava gli ortaggi, vendendo i prodotti della terra ed il latte al mercato di Trieste, dove ci si recava a piedi. Dopo la morte del nonno, negli anni '90 tutte le energie vengono dedicate alla gestione dellla osmizza dove venivano somministrate salumi e uova, che viene ampliata e ristrutturata divenendo agriturismo. Ma è Matej a decidere di non interrompere la lunga storia vinicola della famiglia prendendosi cura dei vigneti coltivati a sole tre varietà: Terrano, Malvasia e Vitovska. Tra parcelle di 80 anni di età e impianti più recenti ad alberello e alta fittezza (10mila piante con rese intorno ai 40 qli/ha), è la terra unica di questa zona a giocare con eleganza, mineralità ed acidità. 30-40 cm di terra rossa, ricca di ferro, caratterizzano i vigneti posti su un altopiano di sola roccia a 250 m sul mare, spazzati dalla Bora che spira dall'est e dalle brezze marine. Questa terra dura necessita di grande lavoro, che avviene esclusivamente a mano per ottenere vini più territoriali e stagionali possibili,fermentati a tini aperti con macerazione sulle bucce di qualche settimana e affinati in botti di rovere nella cantina scavata nella pietra, senza nessuna manipolazione (no filtrazioni, no stabilizzazioni, no chiarifiche etc) o altra diavoleria.