Home Sicilia Rossi PUSSENTI

PUSSENTI Etna Rosso DOC 2014

23,50
Quantità ACQUISTA
Spedizione gratuita oltre i 120 €
Pagamenti sicuri

certificato
bio

certificato
biodinamico

altri
naturali

produzione
garagista

Da un'annata caratterizzata da un inverno freddo ed una primavera ed estate molto regolari, un Nerello Mascalese fresco, di frutto ed elegante, destinato ad esprimersi nel tempo.

Raccolta delle uve in cassette a fine settembre, fermentazione senza controllo della temperatura in tini di legno con macerazione per 8 giorni e numerosi rimontaggi. Affinato in legno per 8 mesi ed in acciaio per circa 3 mesi, non subisce chiarifiche nè filtrazioni nè stabilizzazioni.

Vino senza spigolosità, dal tannino setoso, di grande impatto fruttato e con note speziate.

Enò-Trio è l'azienda vitivinicola a conduzione familiare di Nunzio Puglisi, viticoltore etneo con esperienza trentennale.

I vigneti si dislocano su 6 corpi in 3 ettari di terreni di proprietà attraverso 3 diverse contrade tra Randazzo e Bronte, nel territorio del versante Nord-Ovest dell’Etna, un’area del vulcano caratterizzata da ampia escursione termica e da minore umidità rispetto agli altri versanti.

L'altitudine va dai 650 metri ai 1.100 metri slm. Questo versante è un'area incontaminata, ricca di castagni, noci, ginestre e felci selvatiche.

Le varietà coltivate sono Nerello Mascalese, Pinot Nero, Traminer Aromatico e Moscato di Alessandria Petit-grain e Moscato di Noto (la prima a quelle altitudini conferisce freschezza e la seconda struttura e zuccheri).

Il Nerello Mascalese è un vigneto secolare, franco di piede situato in una delle zone più vocate per l’Etna rosso DOC, Randazzo - c.da Calderara; gli altri sono stati impiantati a fine anni ’80 dopo vari studi e ricerche (scelta porta-innesto, selezioni massali) con densità di impianto che arriva fino a 8300 ceppi per ettaro.

Nonostante i terreni si trovino nello stesso versante e siano tutti sub-acidi, ricchi di humus e di minerali, presentano caratteristiche differenti: in contrada Nave sabbioso- sciolto; in contrada Calderara molto strutturato; in contrada Lago argilloso.

La gestione e la coltivazione dei vigneti avviene nel pieno rispetto della natura e della terra, secondo i criteri dell’agricoltura biologica, nutrendo il terreno e non la vite con interventi colturali mirati, effettuando trattamenti al bisogno e di derivazione naturale (rame e zolfo).

I vini sono il frutto del lavoro in vigna, rispecchiano il vitigno, il territorio, il terreno dove vengono prodotte le uve e proprio per questo, a parità di varietà, sono diversi da anno in anno in quanto soggetti a condizioni climatiche sempre differenti.