Home Veneto Rossi DISARMONICO

DISARMONICO Rosso Veronese IGT 2013

9,50
Quantità ACQUISTA
Spedizione gratuita oltre i 120 €
Pagamenti sicuri

certificato
bio

certificato
biodinamico

altri
naturali

produzione
garagista

Ci sono 5 degustazioni della community su questo vino

Vai alle degustazioni

Da vigneti a 300m s.l.m. su terreni argilloso-calcarei con molto scheletro un Valpolicella giudicato non idoneo. L'andamento climatico del 2013, caratterizzato da numerose piogge anche durante la vendemmia, ha restituito uve non molto cariche di pigmenti per un vino più leggero e dal colore più tenue ma più fresco e delicato. Bocciato due volte dalla commissione di assaggio per il colore , rinuncia alla denominazione riclassificandosi come vino Rosso Veronese. Disarmonico è il giudizio della commissione e diventa il nome del vino di questa annata difficile.

Vinificato in acciaio con macerazione di 10-15 gg e fermentazione spontanea con propri lieviti, non subisce processi di stabilizzazione, filtrazione o chiarifica.

Affinamento in acciaio per 12-24 mesi.

La storia di questa cantina inizia negli anni '70 quando il papà di Francesco, Luigi già sperimentava il lavoro animale in vigna e approcci alternativi per valorizzare i micro organismi e la vita presente nei suoli dei propri vigneti. Sono anni di grande fertilità di pensiero e di prove. Il papà fonda una cooperativa con altri produttori per recuperare altri campi e rimetterli a coltura, riportare l'allevamento di capre e affiancarvi i vigneti. Questa cooperativa è un luogo di collaborazione e sperimentazione. Le prove vengono spesso introdotte anche nei vigneti del papà e viceversa. Sono gli anni in cui la cooperativa vende uva bio a Gino Fasoli, storico produttore biologico veronese. Arrivano gli anni '80 e la diffusione di una viticultura meccanizzata e di abuso di prodotti di sintesi. L'azienda ci passa attraverso indenne mantenendo l'approccio di sempre. Nel 1989 si certifica biologica AIAB e nel 1993 arriva la certificazione europea. Nel 2010 entra in azienda Francesco dopo studi in agronomia ed enologia. L'azienda prende il nome attuale di Terre di Gnirega. Sorridendo confida che i suoi studi non cambieranno nulla nell'approccio al vino. Il suo ingresso è fondamentalmente energia fresca, un aiuto al papà in cantina, in vigna e con le carte che la certificazione richiede. I primi anni sono anni di collaborazione sui vini. La prima vinificazione di Francesco in autonomia è nel 2014. Ama il suo Valpolicella perchè quello più collegato al territorio e all'annata. Il vino meno manipolato. Diretto, sincero, vero. La sua idea di vino è questa, lontana dalla Valpolicella di oggi.

Filippo Crivellari

Punteggio 2900

Bevitore occasionale

Data degustazione 03-09-2017

Fruttato 4/5
Floreale 3/5
Vegetale 0/5
Minerale 3/5
Speziato 3/5
Animale 0/5

Elena Maschi

Punteggio 300

Novello

Data degustazione 18-05-2017

Fruttato 4/5
Floreale 0/5
Vegetale 0/5
Minerale 1/5
Speziato 2/5
Animale 0/5

ercole guadagnoli

Punteggio 875

Novello

Data degustazione 15-01-2017

Fruttato 2/5
Floreale 0/5
Vegetale 0/5
Minerale 2/5
Speziato 3/5
Animale 0/5

Il viandante Bevitore

Punteggio 4000

Bevitore seriale

Data degustazione 30-12-2016

Fruttato 4/5
Floreale 4/5
Vegetale 0/5
Minerale 0/5
Speziato 2/5
Animale 0/5

Luca Marone

Punteggio 1350

Bevitore occasionale

Data degustazione 06-04-2016

Fruttato 5/5
Floreale 4/5
Vegetale 4/5
Minerale 4/5
Speziato 2/5
Animale 0/5