Home Sicilia Rossi TIUREMA

TIUREMA IGT Terre Siciliane 2014

18,00
Quantità ACQUISTA
Spedizione gratuita oltre i 120 €
Pagamenti sicuri

certificato
bio

certificato
biodinamico

altri
naturali

produzione
garagista

C'è 1 degustazione della community su questo vino

Vai alle degustazioni

Da terreni argillosi oltre i 1000 metri sul versante nord dell'Etna ecco il secondo capolavoro di Nunzio Puglisi: Tiurema, 100% pinot nero.

Vinificato con i propri lieviti indigeni, fermentato con lunghe macerazioni di 8-10 giorni in tini a temperatura non controllata e con piccole quantità di uve non pigiadiraspate.

 

Enò-Trio è l'azienda vitivinicola a conduzione familiare di Nunzio Puglisi, viticoltore etneo con esperienza trentennale.

I vigneti si dislocano su 6 corpi in 3 ettari di terreni di proprietà attraverso 3 diverse contrade tra Randazzo e Bronte, nel territorio del versante Nord-Ovest dell’Etna, un’area del vulcano caratterizzata da ampia escursione termica e da minore umidità rispetto agli altri versanti.

L'altitudine va dai 650 metri ai 1.100 metri slm. Questo versante è un'area incontaminata, ricca di castagni, noci, ginestre e felci selvatiche.

Le varietà coltivate sono Nerello Mascalese, Pinot Nero, Traminer Aromatico e Moscato di Alessandria Petit-grain e Moscato di Noto (la prima a quelle altitudini conferisce freschezza e la seconda struttura e zuccheri).

Il Nerello Mascalese è un vigneto secolare, franco di piede situato in una delle zone più vocate per l’Etna rosso DOC, Randazzo - c.da Calderara; gli altri sono stati impiantati a fine anni ’80 dopo vari studi e ricerche (scelta porta-innesto, selezioni massali) con densità di impianto che arriva fino a 8300 ceppi per ettaro.

Nonostante i terreni si trovino nello stesso versante e siano tutti sub-acidi, ricchi di humus e di minerali, presentano caratteristiche differenti: in contrada Nave sabbioso- sciolto; in contrada Calderara molto strutturato; in contrada Lago argilloso.

La gestione e la coltivazione dei vigneti avviene nel pieno rispetto della natura e della terra, secondo i criteri dell’agricoltura biologica, nutrendo il terreno e non la vite con interventi colturali mirati, effettuando trattamenti al bisogno e di derivazione naturale (rame e zolfo).

I vini sono il frutto del lavoro in vigna, rispecchiano il vitigno, il territorio, il terreno dove vengono prodotte le uve e proprio per questo, a parità di varietà, sono diversi da anno in anno in quanto soggetti a condizioni climatiche sempre differenti.

Il viandante Bevitore

Punteggio 4500

Bevitore seriale

Data degustazione 18-06-2017

Fruttato 3/5
Floreale 0/5
Vegetale 0/5
Minerale 3/5
Speziato 3/5
Animale 0/5