Home Sicilia Rossi IL FRAPPATO

IL FRAPPATO Terre Siciliane IGT 2018

Spedizione gratuita oltre i 120 €
Pagamenti sicuri

certificato
bio

certificato
biodinamico

altri
naturali

produzione
garagista

Da una vigna di 50 anni allevata ad alberello su suoli sabbiosi a 280 m slm, un vino ottenuto da 100% Frappato: vinificazione con fermentazione spontanea e macerazione in vasche di cemento per 30 giorni. Affinato 12 mesi in botti di rovere di Slavonia. Il Frappato è il vino probabilmente più sentito da Arianna Occhipinti, quello che la rappresenta meglio: mediterraneo, ribelle e identitario.

Arianna Occhipinti, donna, vignaiola tenace e ribelle, coscienza critica ed icona di un riscatto sociale e territoriale. Da quando ha iniziato la sua carriera nel mondo del vino (era il 2004 e aveva 22 anni)  le sue spalle si sono fatte carico di innumerevoli messaggi ed istanze. Nipote di Giusto Occhipinti (COS), inizia ritornando nella terra natìa a Vittoria nel ragusano per condurre 1 ettaro di vigna abbandonata che impianta ad alberello con le due varietà principali del luogo: Frappato e Nero d'Avola. Ha appena terminato gli studi in Agronomia a Milano. Qui ha appreso la "tecnica". Sarà questa la prima vittima del suo percorso di emancipazione. Siamo agli inizi degli anni 2000. La Sicilia sta sperimentando un nuovo rinascimento. Nino Barraco, Frank Cornelissen, i fratelli Viola stanno già ridisegnando una regione con vini caratterizzati da freschezza, territorialità, identità. Sono lontani quei prodotti standardizzati, robusti ed strutturati ma anche tecnicamente perfetti, specchio della supremazia del metodo sul varietale (questo è il modello che ha raccontato la Sicilia enoica per decenni). Arianna è sola, donna e giovane in una terrra dove la sapienza degli anziani è dogma. La sua idea di vino è differente dall'applicare una ricetta, è piuttosto un atto di sensibilità verso le variabili stagionali e le caratteristiche di ciascuna uva. Vittoria è un'area fresca nella parte sud-est della Sicilia, adagiata tra mare e montagne. Qui soffiano venti freschi che scivolano dalle cime delle montagne conferendo eleganza e acidità alle uve. E' questo che vuole catturare nei suoi vini, non rispondere ad un modello o uno stile. Pensa ad un vino vivo e mutevole, in evoluzione come l'andamento della natura. E' la terra ad essere accompagnata verso il suo destino. Inizia a coltivare seguendo i dettami biologici, passerà ai principi della biodinamica. La sua determinazione la premia nel tempo: diviene paradigma di un riscatto sociale e di una nuova dignità per la sua regione se si decide di rimanere legati alle proprie radici. Cresce l'esperienza, cresce la sua visibilità. Gli Stati Uniti la scoprono e la celebrano. L'Italia la ama per i suoi vini e per ciò che rappresenta. Il Primo Maggio del 2013 sale sul palco del concerto a Roma per urlare con veemenza l'importanza di tornare alla terra. Oggi dire Sicilia significa pensare anche ad Arianna.

 

Vuoi rimanere informato su vini e cantine in offerta? Iscriviti a Decanto!