Home Lombardia Rossi MORDIGALLINA

MORDIGALLINA Rosso Provincia di Pavia IGT 2015

37,90
Quantità ACQUISTA
Spedizione gratuita oltre i 120 €
Pagamenti sicuri

certificato
bio

certificato
biodinamico

altri
naturali

produzione
garagista

C'è 1 degustazione della community su questo vino

Vai alle degustazioni

Il nome Mordigallina origina dall'idea di collegare la Costellazione del Cigno al nome di un fiore selvatico che cresce nelle vigne di Sonia ed Igor e che esiste nei due colori arancio e blu come la stella Albireo della costellazione del Cigno. In origine la costellazione si chiamava Gallina, poi nobilitata in un più evocativo Cigno. Attraverso il nome di questo fiore si collega l'infinitamente piccolo all'infinitamenta grande. Ottenuto da un blend di uvaggi autoctoni fermetati in vasche Atlac.

Lotto. EL15

Helianthus è figlio di un'idea di Sonia e Igor Pasquale.

Siamo nell' Oltrepò Pavese, terra tanto frammentata quanto capace di esprimere in rare individualità un nuovo pensiero delicato e profondo di grande rispetto verso la natura. Un pensiero di vino basato su concetto drammaticamente lontano dal credere comune, che ha trovato nella figura di Giorgio Mercandelli con la sua Cantina Alchemica, il suo finale sostanziamento. L' idea che sottende questi vini è che il vegetale affermi il suo rapporto con il mondo - che è un gusto - non in funzione del gusto del frutto - quindi del corpo che lo racchiude - ma in funzione della propria memoria di cui si fa portatore. Una memoria capace di liberarsi nella porzione liquida solo dopo una profonda fermentazione ricostruendo nel tempo la propria storia nella bottiglia. Questa è la scuola alchemica di Giorgio Mercandelli, realtà e luogo di condivisione a tutti i livelli. Qui convergono vignaioli che coltivano le uve secondo la propria idea ma la trasformano successivamente insieme ed in piena libertà, dando poi nella fase evolutiva corpo ed identità precise al proprio prodotto.

Sonia e Igor incontrano nel 2014 Giorgio Mercandelli nell'allora centro sperimentale di Riccagioia, rimanendone affascinati dal pensiero. Sono inesperti di viticoltura, hanno sempre lavorato 2 ettari di vigneti ( nella parte occidentale dell'Oltrepò Pavese) solo a mano e senza attrezzature, lasciando totalmente incolte le vigne, libere di manifestarsi attraverso essenze spontanee e biodiversità in una alternanza e contiguità con i boschi. Una gestione casualmente selvaggia che troverà conforto nel confronto con Giorgio Mercandelli.

Due soli vini, poco più di 1500 bottiglie per tipologia. Non chiedetevi da quali varietali provengano, non guardate al suolo. I vini prescindono da tutto questo, cristallizzano una memoria di una stagione fatta di luce, pensieri, emozioni, energie e persone traducendola in forma liquida nella bottiglia.

Un nuovo modo di pensare al vino e di viverlo. Un nuovo modo di berlo, meno con la testa e più con il ventre.

 

Vuoi rimanere informato su vini e cantine in offerta? Iscriviti a Decanto!

 Segui

Punteggio 9550

Bevitore seriale

Data degustazione

Fruttato 5
Vegetale 4
Speziato 4
Floreale 3
8.50/10 1