HARMOGE Vino Bianco

54,90
Quantità ACQUISTA
Spedizione gratuita oltre i 130 €
Pagamenti sicuri

certificato
biodinamico

altri
naturali

produzione
garagista

Da due appezzamenti di oltre 70 anni ( il Vermentino da una vigna nel fondovalle della Val di Magra ed il Bosco e l'Albarola da una vigna sopra Manarola in un anfiteatro a picco sul mare con terreni a base di quarzo) caratterizzati da suoli e tempi di maturazione estremamente differenti, un bianco con i varietali tipici del territorio pensato per esaltarne la grande armonia ( da cui il nome Harmoge ) e lavorato come fosse un Bourgogne. Fermentazione in acciaio con macerazione di circa una settimana sulle bucce e affinamento in tonneaux su fecce fini (con frequenti batonnage) e acciaio per oltre 1 anno.

L.03/18

Campiglia. Ideale fulcro di un ampio ventre che va dalla Riviera di Ponente alla Toscana dell'isola d'Elba, anticipa il golfo di La Spezia, nel parco delle Cinque Terre, raccontando un territorio duro e ostico, dove mare e scogliere si fronteggiano da sempre con forza. Da quassù la terra resta schiacciata alle spalle e lo sguardo si apre vasto su un' immensa distesa blu che corre fino all'orizzonte, solcata da navi e barche che riportano alla storia ancestrale di questo mare. Qui, tra terrazze e vertigini, pochi vignaioli testardi si ostinano a coltivare, perlopiù per autoconsumo, vitigni storici della tradizione. Walter De Battè è uomo legato al mare ed il mare è l'elemento che scandisce il suo pensiero enologico. Siamo nei primi anni '80, Walter lavora presso l'Arsenale della Marina Militare di La Spezia. Inizia ad appassionarsi al mondo del vino, studia e frequenta corsi di sommellerie. Prende in affitto vigne che i contadini preferiscono abbandonare e recupera un fazzoletto di terra appartenente alla famiglia della moglie. Nel 1991, dopo un paio di stagioni fatte di prove e riflessioni, il primo imbottigliamento. Campiglia diviene presto lo spartitraffico tra un concetto di terroir stretto e uno più lato, che affonda le radici nella storia del Mar Mediterraneo. Da una parte, le Cinque terre ( 2,5 ettari di 70 anni allevati ad alberello su terreni sabbiosi e ricchi di sassi tra Riomaggiore e Manarola e impiantati a Bosco, Albarola, Vermentino, Sangiovese ) dall'altra, 1,5 ettari in provincia di Carrara con varietali mutuati dalle culture del Mediterraneo ( Grenache, Syrah, Marsanne, Roussanne, CIliegiolo, Vermentino nero ). Ma la storia dei popoli che hanno solcato il Mare Nostrum entra anche tra i gesti in cantina, dove le vinificazioni sono caratterizzate tutte da macerazione sulle bucce più o meno lunghe esattamente come facevano Greci e Romani nell'antichità. I vini di Walter sono testimoni di una cultura, non esercizi di tecnica enologica, (tras)portano un' anima, un retaggio, sono espressione di sole e sale, di macchia e roccia. Pochissime bottiglie frutto di una sforzo estremo, lavoro solo manuale e rese minimali ( 5 grappoli per pianta) , vigne aggrappate a scogliere, rotaie per accedere alle piane e raccogliere i pochi grappoli. Il tutto per poco più di 10000 bottiglie tra Campiglia e Carrara.

 

Vuoi rimanere informato su vini e cantine in offerta? Iscriviti a Decanto!