Andrea Pecunia Terre Sospese

Andrea Pecunia

Terre Sospese. Un fazzoletto di viti aggrappate alla roccia appena fuori Riomaggiore, strette in quel lembo di terra dall'inclinazione estrema tra la strada Provinciale 370 e lo strapiombo nel blu del mare. Andrea Pecunia dal 2005 coltiva nemmeno 1000 viti in poco più di mezzo ettaro in una terra che comunque la si veda è sempre difficile, impervia. Lo fa perchè i suoi bisnonni vissero di vino, il nonno ed il padre pur con difficoltà continuarono la tradizione e, per quanto le rese ed il territorio rendano difficile camparci, la sua è una caparbia scommessa e promessa di ritorno ad una terra che tutti stanno abbandonando. Solo terrazzamenti su muri a secco che scendono a mare, una rotaia utilizzata in comunione con i produttori della zona e tanto, durissimo lavoro a mano con qualche sporadico aiuto di giovani in prestito dall'università per la vendemmia a settembre. La scelta di Andrea è da subito di mantenere le varietà del territorio e della tradizione ( principalmente Vermentino, Albarola - la locale Bianchetta - ,Bosco e Rossese Bianco ) e di farle crescere nella spontaneità del luogo senza ricorrere a prodotti sistemici. Sono vigne che si stringono al mare, ne godono le brezze e la salsedine e si illuminano nel sole. L'uva raccolta viene poi condotta in paese a Riomaggiore dove in appena 40 mq di spazio, Andrea pigia, diraspa e fermenta spontaneamente il frutto di una stagione in piccole anfore non smaltate ( come si faceva nell'antichità) attrezzando contemporaneamente griglie per l'appassimento degli acini ( uno dei tre vini prodotti è il passito Refursà ) ed uno spazio dove etichettare e predisporre le bottiglie per l'invecchiamento. Andrea non è solo un semplice garagista, ma un vero custode di un tempo e di una terra. Tra fatiche e dimensione aziendale antieconomica, il suo entusiasmo e la romantica determinazione sorprendono e conquistano. Le sue bottiglie sono vere, autentiche rimandano al mare. Vignaioli come Andrea restituiscono tutto il senso di questo mondo al naturale : un gesto di estremo amore e rispetto incondizionato verso la terra, verso la sua storia e verso noi tutti. Innaturale sarebbe non sostenerlo.

Produzione totale annua : 1000 bt.