NAOLTA Vino Frizzante 2016

9,00
Quantità ACQUISTA
Spedizione gratuita oltre i 120 €
Pagamenti sicuri

certificato
bio

certificato
biodinamico

altri
naturali

produzione
garagista

100% Glera, rifermentato sui lieviti come una volta.

Uva selezionata da filari con minimo 10 anni di età e su terreni minerali e ciotolosi. Vendemmiata a mano a settembre presto la mattina, viene pressata intera con tutto il grappolo senza pigia-diraspatura per non sacrificare la parte zuccherina che verrebbe persa con la separazione del raspo dall'acino. Resta tutto l'inverno in vasca e con soli due o tre travasi prima dell'imbottigliamento che avviene per caduta libera senza utilizzo di pompe.

Questo vino è un omaggio alla tradizione (far rifermentare il vino in bottiglia dopo Pasqua seguendo le lune e i tempi della natura e non ricorrendo all'autoclave) in piena area del Prosecco DOCG. Lontano da etichette, mode e volumi impressionanti della regione, NAOLTA è vino autentico ed introvabile (solo 5000 bottiglie).

E' un vino vero secondo stagione (ogni anno diverso) e senza costruzioni che fa riappacificare con la denominazione chi nel vino cerca l'identità dell'uva e di una terra.

Nell'epicentro del Prosecco DOCG (siamo a 10 km da Conegliano e 15 da Valdobbiadene) Silvia Fiorin coltiva 13,5 ettari in biodinamica a ciclo chiuso destinandoli in parte a foraggio a rotazione (mais, orzo e fieno per alimentare le manze da carne il cui letame prezioso verrà impiegato per concimare i campi), in parte a uva Glera (solo 5,5 ettari impiantati a guyot destinati a preservare la tradizione del Prosecco fermentato sui lieviti come una volta) ed in parte a Kiwi (solo due ettari di cui 1 impiantato per la prima volta negli anni '70).

E' il conte San Martini negli anni 60-70 ad impiantare il primo ettaro di kiwi con 7 varietà. Negli anni '80 il padre di Silvia acquista il terreno ed incomincia a studiare gli impianti e i kiwi e le produzioni in Nuova Zelanda. Ai tempi la produzione italiana veniva soddisfatta da due soli produttori, uno a Cuneo e uno a Latina. Viene impiantato il secondo ettaro e creata una stalla per mucche da latte (ora solo da carne).

Nel frattempo intorno all'azienda agricola esplode il fenomeno Prosecco. I numeri che testimoniano la crescita vertiginosa degli ultimi anni sono impressionanti : oltre 470 milioni di bottiglie in costante aumento  e si auspica il traguardo del miliardo per poter servire i nuovi mercati asiatici.

La DOCG si attesta oggi sui 70 milioni di bottiglie mentre la DOC oltre 400 milioni e altri 3000 ettari sono già stati sbloccati  per essere convertiti da IGT Glera a Prosecco DOC.

L'azienda di Silvia resta un enclave di equilibrio e trionfo della natura, lontana da mode, da etichette, dalle tendenze del mercato e dalla trasformazione del territorio.

I suoi vigneti sono su terreni di riporto da greto del fiume Soligo, che nasce a Collagù a poche centinaia di metri e scorre lambendo i suoi vigneti con acqua limpida e pura, utilizzata per la dinamizzazione. Sono terreni di medio impasto con zone di diverso scheletro. Pur essendo in pianura i vigneti godono di una ventilazione straordinaria spazzati sempre dalla brezza che soffia da San Boldo e si infila nel varco tra le prime colline che fronteggiano a nord la pianura di Pieve.

La produzione di vino frizzante da Glera è di solo 5000-6000 bottiglie all'anno.

L'uva viene accuratamente selezionata solo da filari di oltre 10 anni, posti sui terreni più minerali e quindi ciotolosi. La vendemmia viene fatta a mano e di mattina. La pressata è diretta e a grappolo intero, senza pigia-diraspatura onde non perdere la parte zuccherina e soffice per non estrarre tannino. Prima dell'imbottigliamento seguono due - tre travasi. A Pasqua viene imbottigliato per caduta libera senza alcun utilizzo di  pompe onde evitare di scaldare la massa e perdere finezza. Il vino è così chiuso con tappo corona con i propri lieviti ed una parte di residuo zuccherino che con i primi caldi primaverili permetterà la rifermentazione sui lieviti fino a totale trasformazione degli zuccheri. Non essendo sboccato prima della commercializzazione il vino presenta il tipico deposito sul fondo, come la tradizione di una volta voleva.

Pur avendo vigneti iscritti a DOCG, Silvia declassa le uve ogni anno per produrre il suo vino NA OLTA.  Non chiamatelo Prosecco (oggi l'idea del vino riporta a immense autoclavi e ad un vino pronto per il mercato dopo anche 30 giorni) anche se probabilmente questo è il vero Prosecco.